Dolci di Carnevale della Sardegna: ricetta degli acciuleddi

Il Carnevale in Sardegna è una festa particolarmente sentita fatta di tradizioni antiche rimaste immutate nel tempo, come quella degli acciuleddi, dolci di Carnevale tipici della Gallura, che consistono in intrecci di pasta prima fritti e poi passati nel miele, da consumare in famiglia o da offrire durante le feste.
Sono preparati con un impasto a base di farina, acqua, strutto e uova che, se ben lavorato, si presenta liscio e omogeneo.
Da quest’impasto poi si ottengono dei cordoncini del diametro di circa ½ centimetro ciascuno, che poi vengono intrecciati a forma di piccole matassine, in sardo acciuleddi, ovvero quella piccola quantità di filato che è stato utilizzato nella tessitura fin dai tempi antichi.

Conosciuti anche come treccine, gli acciuleddi sono una di quelle bontà in grado di farti scordare la dieta o di farti uscire di casa per andare al supermercato e comprare gli ingredienti necessari per preparare la ricetta. E così è successo a me! In un momento di nostalgia folle della mia Sardegna, ho deciso di preparare questi deliziosi dolci.

Ecco gli ingredienti di cui avrete bisogno:

  • 500 gr di farina
  • 2 uova
  • 100 gr di strutto
  • 80 gr di zucchero
  • vanillina
  • acqua
  • olio di semi per friggere
  • miele
  • scorze d’arancia non trattata

Preparazione dell’impasto
Formate una fontana con la farina e al centro mettete la vanillina, lo strutto a pezzettini, le uova, lo zucchero e iniziate ad amalgamare il tutto. Se avete difficoltà ad impastare aggiungete un po’ d’acqua. A questo punto formate un impasto liscio e formate dei cordoncini sottili.

acciuleddi

Prendete uno dei cordoncini unendo le due estremità e arrotolate il cordoncino più che potete. Poi ripiegateli una seconda volta su loro stessi.
Ora siete pronti per friggere i vostri acciuleddi. Scaldate l’olio di semi in una padella e metteteli a friggere in olio ben caldo finché non  saranno dorati e croccanti.

acciuleddi

Scolate gli acciuleddi e asciugateli con della carta da cucina assorbente. Terminate la preparazione passandoli in una padella in cui avrete messo il miele a scaldare con abbondante scorza d’arancia. Infine serviteli cosparsi di scorza d’arancia grattugiata e…

acciuleddi

Buon appetito! (I miei acciuleddi sono venuti buonissimi per la cronaca, nonostante il loro aspetto non proprio perfetto!)

acciuleddi

Per informazioni sugli altri dolci di Carnevale della Sardegna ecco un interessante approfondimento.

Leggi anche

2 comments

  1. mia nonna preparava gli acciuleddi ma aveva un segreto nell’impasto faceva sciogliere lo zucchero in un poco di acqua calda in questo modo l’impasto diventava elastico e si arrotolavano quasi da soli.
    p.s. ne passava sempre un pò anche solo nello zucchero a velo per quelli che non amavano il miele e una mia zia li ha provati con il cioccolato ma sono molto meno carnevaleschi.

    1. Grazie per il segreto che ci hai svelato Roberto!!! In effetti l’elasticità dell’impasto è una delle caratteristiche più importanti per la buona riuscita di questi dolcetti deliziosi! 😉

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *