Arancia rossa di Sicilia IGP: l’agrume che ci invidiano in tutto il mondo

Buccia color arancio acceso, polpa succosa con pigmentazioni rossastre più o meno intense a seconda della varietà e gusto dolce e piacevolmente acidulo. Questo è l’identikit dell’arancia rossa di Sicilia IGP, uno degli agrumi che più ci invidiano in tutto il mondo.

Zone di produzione dell’arancia rossa di Sicilia IGP

La sua coltivazione si estende in numerosi centri della Sicilia orientale, nelle province di Catania, Enna, Ragusa e Siracusa. Il terreno vulcanico e le escursioni termiche di queste zone, rendono l’arancia rossa di Sicilia un frutto dalle caratteristiche organolettiche uniche. Ma vediamole a seconda della varietà.

Varietà dell’arancia rossa di Sicilia IGP

La denominazione IGP riconosce come arance rosse di Sicilia le varietà Tarocco, Sanguinello e Moro.
L’arancia rossa di Sicilia IGP Tarocco si pensa nasca da una mutazione gemmaria del comune Sanguinello scoperta in un agrumeto di Francofonte tra l’otto e il novecento. La sua maturazione nei terreni collinari e meglio esposti inizia a metà di dicembre e finisce verso metà maggio nelle aree tardive.
I frutti sono grossi e con forma sferica tendente all’ ovoidale. Il Tarocco si distingue inoltre per il cosiddetto collare o “muso”, più o meno prominente. Il colore della sua buccia è giallo-arancio, arrossato su una metà della superficie. La polpa è senza semi, ed è di un giallo arancio, con pigmentazioni rossastre più o meno intense a seconda del momento di raccolta, mediamente succosa e dal gusto eccellente.
L’arancia rossa di Sicilia IGP Sanguinello è diffusa principalmente nelle province di Catania e Siracusa. Si tratta della più importante cultivar italiana di media stagione: la sua maturazione inizia a febbraio ma raccolta principalmente tra marzo e aprile. I frutti sono di dimensione media con forma oblunga o sferica. La buccia è di colore arancio intenso con sfumature rosse. La polpa è priva di semi o quasi, ed è di colore arancio con numerose screziature sanguigne, molto succosa e dall’ottimo sapore.
L’arancia rossa di Sicilia IGP Moro è originaria della zona di Lentini ed è diffusa nelle aree di Catania e Siracusa. Questa cultivar matura per prima tra le arance rosse e si può gustare dai primi di dicembre fino a metà marzo. Di medie dimensioni con forma fra la sferica e l’ovoidale, ha una buccia arancione con sfumature rosso vinose. La sua polpa è senza semi, di colore rosso scuro, soprattutto quando è molto matura. Il colore del succo è rosso sanguigno per la presenza di antociani (ovvero pigmenti naturali) sia nella polpa e sia nella buccia. Ha un sapore molto gradevole e leggermente acidulo.

arancia rossa di Sicilia IGP

Proprietà nutritive e benefici dell’arancia rossa di Sicilia IGP

L’arancia rossa di Sicilia IGP è un frutto composto per circa l’87% di acqua. Contengono pochi grassi e proteine, e molti minerali come calcio, ferro,fosforo,potassio e selenio. Inoltre è ricca di vitamine: vitamina C, A, B1 B2. L’acido citrico che contengono svolge un’importante funzione nel nostro corpo: è in grado di abbassare l’acidità delle urine e prevenire così la formazione di calcoli renali.
Le arance rosse sono ricche di polifenoli e antociani – quest’ultimi sono i pigmenti naturali che danno alle arance il colore rosso – che sono ottimi antiossidanti in grado di combattere i radicali liberi (responsabili dell’invecchiamento) e sono fondamentali nella prevenzione dei tumori.
Grazie alle loro proprietà questi agrumi prevengono anche patologie come le malattie cardiovascolari, l’ipertensione, il diabete, la cefalea, la bronchite, i reumatismi e tante altre. Per esempio, non tutti sanno che fare gargarismi con succo d’arancia rossa aiuta a curare gengiviti e stomatiti.

Insomma, l’arancia rossa di Sicilia IGP è un vero e proprio integratore naturale.

arancia rossa di Sicilia IGP

Per ulteriori informazioni sull’arancia rossa di Sicilia IGP visitate il sito web del consorzio.

Leggi anche

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *