Senza categoria

Cosa vedere a Siracusa in un giorno

By 20 Gennaio 2015 No Comments

Siracusa è stata definita da Cicerone “la più bella città che i Greci costruirono in occidente“. Se visitate la Sicilia, non potete perdervi questo gioiello di arte e architettura, dichiarato nel 2005 Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO. Ricca di leggende, tradizioni e affacciata su un mare tra i più belli d’Italia, questa antichissima città saprà ammaliarvi. State ben attenti a non lasciarvi sfuggire nessuno di questi luoghi imperdibili:

Cosa vedere a Siracusa in un giorno

  •  Parco Archeologico della Neapolis

Era il cuore della Siracusa greca: qui potrete ammirare memorabili monumenti come l’anfiteatro romano, il teatro greco e il famoso Orecchio di Dioniso: una grotta con un incredibile eco che, secondo la leggenda, veniva sfruttato dal tiranno della città. Si narra infatti che egli si nascondesse in un anfratto e ascoltasse, non visto, le conversazioni dei nemici rinchiusi nella grotta.

Se amate il pathos, dovete assolutamente recarvi al teatro greco a maggio o giugno: potrete assistere a suggestive rappresentazioni delle tragedie classiche.

  • Isola di Ortigia

Come in ogni visita che si rispetti, non si può non passeggiare nelle viuzze del centro storico della città: quello di Siracusa, però, si trova su un’isola, Ortigia! Osservate il Duomo costruito sulle rovine di un teatro greco, gironzolate nei mercati e passeggiate sul lungomare che costeggia un’acqua cristallina. Se arriverete fino alla fonte Aretusa, inoltre, avrete una sorpresa: lì crescono indisturbate piante di papiro. Anche questo specchio d’acqua riflette una leggenda. Aretusa era una ninfa che rifuggiva l’amore di un giovane corteggiatore, Alfeo, e arrivò a chiedere aiuto ad Artemide: la dea la avvolse in una nube e la trasformò appunto nella fonte. Alfeo chiese allora aiuto agli dei che lo trasformarono in un fiume che, nascendo dalla Grecia e percorrendo il Mar Ionio, si unisce all’amata fonte.

  • Basilica di Santa Lucia al Sepolcro, Piazza Santa Lucia.

 Santa Lucia è la patrona di Siracusa (celebrata in diverse occasioni durante l’anno, la più importante il 13 dicembre) e la basilica è una delle due chiese a lei dedicate. Perché visitare proprio questa? Beh, sopra all’altare, c’è una chicca: una tela del Caravaggio che ritrae il seppellimento della Santa.

  •  Santuario della Madonna delle Lacrime, Viale Luigi Cadorna 139.

Si tratta di una chiesa altissima dalla forma conica, costruita a partire dagli anni Sessanta per custodire un’effige in gesso raffigurante il Cuore Immacolato di Maria, che nel 1953 ha miracolosamente lacrimato. Fermatevi al centro della chiesa e guardate verso l’alto dei suoi quasi 100 metri, una vista non comune.

Qualche consiglio su dove mangiare

  •  Sicilia in Tavola, Via Cavour 28.

Questo ristorantino nel cuore di Ortigia offre ottime specialità di mare e pasta fresca. Preparatevi a leccarvi i baffi e godervi l’atmosfera familiare!

  • Trattoria del Buongustaio, Via Trieste 11

Ottimi piatti di pesce in una location da togliere il fiato.

  • Al Mazari, Via Torres 7/9

Per non farvi mancare nulla, assaggiate qui un po’ di cucina trapanese e cercate di decodificare il menù in siciliano (per i più timorosi, tranquilli,c’è la traduzione). L’ideale è a andarci a cena, quando la sala viene romanticamente illuminata con le candele.

Qualche suggerimento su dove alloggiare

  • Hotel dei Coloniali, Via del Porto Grande 46

Situato nel cuore di Siracusa, a 800 metri dall’isola di Ortigia, questo hotel offre camere climatizzate con wi-fi gratuita e TV a schermo piatto. La mattina vi sarà servita una bella colazione comprendente torte fatte in casa.

  • Hotel Archimede, Via F. Crispi 67

Con le sue 15 stanze, è uno degli alberghi più storici di Siracusa. Situato a metà tra il centro storico, Ortigia, e l’area archeologica, è dotato di un parcheggio gratuito e di camere climatizzate con TV satellitare. Gran parte vantano anche wi-fi gratuita. Presso la reception inoltre potrete usufruire del servizio di noleggio barche, auto e scooter e di programmare escursioni nelle isole vicine.

  • Hotel del Santuario, via del Santuario 1

Sorge di fronte al Santuario della Madonna delle Lacrime, nelle vicinanze dell’area archeologica. Ci sono ben due aree di parcheggio e l’immancabile connessione wi-fi gratuita. Inoltre la maggior parte delle camere sono dotate di balconi da cui godrete una magnifica vista sul Santuario o sulla città ed il Mar Ionio.

  • Hotel Posta, via Trieste 33, Ortigia

Questo Hotel si trova proprio a Ortigia ed è affacciato sul porticciolo. Tutte le camere sono rigorosamente climatizzate e con connessione wi-fi gratuita e, nella maggior parte dei casi, hanno una vista panoramica sul mare. A pochi passi dall’albergo troverete il ristorante convenzionato, dove gustare ottimi piatti siciliani.

  • Hotel Gargallo, via Tommaso Gargallo 58, Ortigia

Se avete un debole per Ortigia, prendete in considerazione anche questo hotel situato in un edificio restaurato del XIX secolo. Le raffinate camere, alcune con soffitti affrescati, dispongono di balcone, aria condizionata e TV satellitare (e la wi-fi? Tranquilli, amici internauti, c’è). Provate anche il ristorante siciliano a conduzione familiare.

  • Domus Mariae Benessere, via Vittorio Veneto 89, Ortigia

Ubicato all’interno di una proprietà trecentesca, anche questo albergo si trova sull’isola di Ortigia e vanta una terrazza all’ultimo piano con vista spettacolare sul mare. Possiede inoltre un centro benessere con una vasta gamma di massaggi e trattamenti di bellezza e un ristorante con dietologi pronti a stilare menù personalizzati.

Leave a Reply