Viaggi di gusto

Alla ricerca della migliore pizza di Napoli

By 31 Ottobre 2013 No Comments

Quest’estate mi sono gustata un “weekend partenopeo” in compagnia della mia dolce e paziente metà e naturalmente, oltre a vedere la splendida città di Napoli, ci siamo dedicati anche alla cura del nostro palato! In che modo? Assaggiando quanto di meglio poteva offrirci la gastronomia locale! A partire dal piatto tipico per eccellenza della città di Napoli e cioè la pizza!

Vi anticipo che si tratta di un argomento delicato in quanto i pareri sono molto discordanti. D’altronde ognuno ha la sua pizza del cuore, ma io nel mio piccolo, in soli tre giorni, posso dire di aver provato quelle che possono essere considerate alcune tra le migliori pizzerie partenopee, per cercare di capire quale sia la migliore pizza di Napoli.
Ma vediamole una ad una con tutti i pro e i contro…

  1. Da Michele: questa pizzeria storica di Napoli, si trova in Via Cesare Sersale, una traversa di Corso Umberto I. Ci siamo stati per cena e forse perché era presto (erano solo le 19) o semplicemente perché siamo stati “graziati”, non abbiamo trovato fila (come temevamo dopo aver letto numerose recensioni) e così siamo entrati subito! A primo impatto il locale non è un granchè: le due sale interne sono spoglie e i muri piastrellati di bianco e verde non sono certo il massimo. I tavolini sono spartani e vengono apparecchiati in modo altrettanto spartano: tovagliolo, posate e bicchieri di plastica. Ma quando si dà un’occhiata al menù ritorna il sorriso: ci sono solo due tipi di pizze e cioè margherita e marinara e i prezzi sono più che onesti.
    Per una margherita doppia mozzarella e una coca-cola spendiamo in due 14 €.
    E la pizza com’era? La pasta sottile e ben cotta (come piace a me) accoglieva una salsa forse un po’ liquida con delle fettine di mozzarella troppo spesse che rimanevano troppo “gommose” per i miei gusti… Ma nel complesso la mia prima strabordante pizza napoletana mi piace parecchio e si merita così un 8 pieno!

    la migliore pizza di napoli

  2. Gino Sorbillo: la seconda sera andiamo in un altro locale storico di Napoli, nella centralissima Via dei Tribunali. È venerdì sera e davanti alla pizzeria di Gino Sorbillo c’è una lunga fila. Così entriamo, prendiamo il numerino e aspettiamo fuori il nostro turno. Nell’attesa facciamo un aperitivo nel baretto accanto e dopo “solo” un’ora ci chiamano. Il locale si sviluppa su due piani ed è super affollato. Anche qui i tavolini sono molto spartani e l’ambiente è rustico se pur un poco più accogliente rispetto alla pizzeria del giorno prima. C’è anche abbastanza caldo nonostante i condizionatori accesi. Ma per fortuna il servizio è veloce, infatti vengono subito a prendere le ordinazioni e altrettanto rapidamente ci portano la pizza al tavolo: enorme, con i bordi spessi e la salsa al pomodoro deliziosa… Per non parlare della mozzarella che si scioglieva in bocca! Unica pecca: se pur ben lievitata e ben cotta, i bordi erano così alti che risultavano un pochino gommosi. Ma il giudizio finale è ottimo: io e Domenico concordiamo con un 8 e mezzo anche in virtù dei prezzi davvero bassi se commisurati alla qualità degli ingredienti: 4€ per una margherita più Coca Cola… Incredibile! Per me, anzi per noi, la migliore pizza di Napoli fino ad ora.la migliore pizza di napoli
  3. Di Matteo: l’indomani per pranzo andiamo in un’altra pizzeria che si trova sempre in Via dei Tribunali. Innanzitutto vuoi perché è ora di pranzo e vuoi perché forse è presto, ci fanno accomodare subito e ordiniamo una margherita… In realtà abbiamo una fame da lupi e ordiniamo anche arancini, frittatina e crocchè come antipasto. Ci guardiamo intorno e ci accorgiamo che anche questo locale è spoglio e rustico e per andare in bagno devi fare una rampa di scale abbastanza ripide che ti conducono alla sala superiore.
    Anche la pizza di Di Matteo è molto buona ma mi colpisce meno delle altre due che abbiamo mangiato durante gli altri giorni: di dimensioni grandi, buona la cottura e ottimo il condimento. E il prezzo  è di nuovo una sorpresa: la margherita costa solo 3€… Impossibile resisterle!
    Insomma ci piace e per noi il voto finale è però un 7 e mezzo!

    la migliore pizza di napoli

    Conclusione: mangiare una buona pizza a Napoli non è difficile. Più difficile è trovare la migliore pizza di Napoli. Quelle di cui vi ho parlato sono solo le pizzerie più famose che stanno sulla bocca di tutti ma che non è detto siano oggettivamente le migliori!. Dunque la soluzione ideale è fare una visita nella bellissima città di Napoli  e “sacrificarvi” assaggiando più pizze possibili, proprio come abbiamo fatto noi! 😉

    E per voi qual è la migliore pizza di Napoli?

    Fateci sapere e a presto,

    Valentina

Leave a Reply