Senza categoria

Un motivo in più per fare un weekend a Verona: i tweet seats dell’Arena

By 8 Agosto 2013 No Comments

Se state pensando di organizzare un weekend a Verona, questo potrebbe essere un ottimo periodo. Sapete perché? Ve lo spiego parlandovi di una mia recente esperienza…

Da poco sono stata ospite della Fondazione Arena di Verona e ho avuto la fortuna di assistere a un’opera lirica dai cosiddetti tweet seats: posti a un prezzo davvero speciale (10 €) e vicinissimi al palco, riservati agli amanti di Twitter, che vogliono raccontare emozioni e punti di vista sull’opera lirica a colpi di tweet! L’hashtag utilizzato per l’occasione è #arenadiverona100, lo stesso che utilizzerete anche voi qualora vogliate partecipare a questa bellissima iniziativa, nata per avvicinare i giovani al mondo dell’opera lirica, erroneamente considerato adatto a un pubblico adulto o di soli appassionati.

Come ottenere i tweet seats? Basta compilare un form online e vi candiderete per ricevere i biglietti d’ingresso all’Arena di Verona, che verrano assegnati in base alla disponibilità.

Gli eventi ai quali potrete assistere sono numerosi. Date un’occhiata al programma degli spettacoli ma  se vi state avvicinando per la prima volta all’opera lirica, vi consiglio l’Aida de La Fura dels Baus in cui modernità e tradizione si fondono alla perfezione dando vita a uno spettacolo coinvolgente dall’inizio alla fine, capace di lasciarvi a bocca aperta e di non annoiarvi mai!
A me l’opera verdiana interpretata dalla compagnia teatrale catalana è piaciuta tanto perché attuale e sorprendente, da vedere!
In più se volete approfondire questo mondo affascinante, vi consiglio di visitare l’AMO ArenaMuseOpera dove scoprirete il sorprendente processo creativo fino alla messa in scena dell’opera.

aida_fura_dels_baus_arena_di_verona

Insomma eccovi servito qualche motivo in più per visitare la città dell’amore magari in compagnia della vostra dolce metà! Durante il vostro weekend romantico potrete scoprire Verona e i suoi monumenti storici, assistere a un’opera lirica a un prezzo speciale in un contesto unico come l’Arena di Verona e assaggiare l’ottima cucina e i vini del territorio.

Vi lascio qualche spunto per organizzare un weekend a Verona. Lasciatevi ispirare! 😉

Un consiglio? Acquistate al prezzo di 15 euro la Verona Card, valida per due giorni consecutivi, con la quale avrete libero accesso a chiese, musei e monumenti.

Cosa vedere a Verona in un weekend

  • Arena di Verona in Piazza Brà: anfiteatro romano della prima metà del I sec. d.C. che ospitava gli spettacoli preferiti dai Romani come le lotte dei gladiatori e la caccia di animali feroci. Visitatala di giorno per poi assaporarne l’atmosfera anche la sera, durante la rappresentazione dell’opera lirica che sceglierete di vedere.
  • Castelvecchio e il suo museo: castello appartenuto alla famiglia scaligera, che risale alla metà del XIV secolo e che al suo interno ospita opere d’arte dall’epoca paleocristiana al ‘700.
  • Piazza delle Erbe: piazza che per secoli è stata il centro della vita economica e politica della città. Oggi è animata da un mercato di bancarelle ed è anche un punto di ritrovo per giovani e turisti che vogliono fare un aperitivo a base di spritz… Naturalmente!
  • Arche Scaligere: le tombe monumentali degli Scaligeri in stile gotico.
  • Casa di Giulietta: edificio del XIII sec., proprietà della famiglia Cappello, identificata con i Capuleti, che ha dato origine alla convinzione che lì sorgesse la casa di Giulietta, eroina della tragedia di Shakespeare.
  • Teatro Romano: importante testimonianza romana, costruito all’inizio del I sec. d.C., oggi è sede dell’Estate Teatrale Veronese e del Festival Verona Jazz.
  • Ponte Pietra: costruito sul fiume Adige nel I sec. d.C., è stato più volte ricostruito nel tempo. Oggi il ponte si presenta a cinque arcate, delle quali le prime due sono romane.
  • Basilica di San Zeno: capolavoro romanico fondato da re Pipino fra l’VIII e il XIX sec. ma le strutture attuali risalgono al XII sec.

piazza_delle_erbe_verona

Cosa assaggiare a Verona: piatti tipici e grandi vini

A Verona si mangia davvero bene e i piatti della tradizione sono tanti. Assaggiate per esempio i bìgoi con le Aole: grossi spaghetti, fatti anticamente con un torchietto a mano, conditi con un sugo di alborelle, tipico pesce di lago. Oppure provate il risotto con il radicchio rosso di Verona o con la carne di maiale. Se preferite i piatti unici vi consigliamo la classica polenta e baccalà o la polenta carbonera arricchita da tartufi e funghi. Tra i secondi non perdetevi la pastissada de caval: stracotto di cavallo, uno dei piatti più antichi della cucina veronese.
Ma a Verona si beve anche molto bene: è la prima provincia italiana per produzione di vini Doc., ben 10 provengono infatti dalle colline veronesi. La zona di produzione parte dal lago di Garda e abbraccia tutta la provincia fino al confine con Vicenza. Tra i vini più importanti troviamo i grandi rossi che tutto il mondo ci invidia come il Valpolicella Doc e l’Amarone Docg, ma anche il Recioto Docg (vino dolce rosso passito)  e ancora i bianchi Doc come il Soave, il bianco di Custoza e il Lugana. Infine un vino “da tutto pasto” come il Bardolino e il Durello sia nella versione ferma che spumante.

Un buon locale dove assaggiare cucina tipica e ottimi vini? Durante l’esperienza di #arenadiverona100 siamo stati all’Alcova del Frate: un’osteria – enoteca dove mangiare piatti della tradizione, anche rivisitati, in un ambiente giovane e informale. Io sono stata conquistata dal pane carasau (che mi ricorda tanto casa mia) con lardo e miele della Lessinia. Ottimo accostamento!

pranzo_osteria_alcova_del_frate_verona

Buona Verona allora e godetevi uno spettacolo di opera lirica nell’Arena mi raccomando, perché è un’esperienza unica che va fatta almeno una volta nella vita! 😉

Valentina

 

Leave a Reply