Viaggi di gusto

Perché visitare e/o vivere a Lanzarote: da meta di viaggio a scelta di vita

By 3 dicembre 2015 4 Comments

Chi mi conosce bene, sa che quando visito nuovi posti, inciampo spesso nella fatidica frase “io qui ci vivrei”. Motivo per cui spesso la mia affermazione perde di significato, tanto che io stessa quasi non ne sono più convinta. Ma questa volta, di rientro da una settimana di vacanza a Lanzarote, sono sicura di aver raccolto tutte le informazioni necessarie in grado di persuadere me stessa, ma soprattutto gli altri, che questa sia una meta da sogno non solo da visitare, ma in cui pensare di vivere!
In cima alla lista delle motivazioni, c’è senza dubbio il clima. 

Clima Lanzarote

Decorazioni natalizie a Marina Rubicón – Playa Blanca, Lanzarote

Qui le temperature medie annue sono tra i 18 e i 25 gradi, il tasso di umidità è praticamente nullo, le piogge sono davvero scarse (l’isola è desertica infatti l’acqua che scorre dai rubinetti è acqua di mare dissalata) e la brezza marina è costante. E io che amo il vento, trovo quest’ultimo aspetto del clima tra i più interessanti, anche perché si traduce in zero afa, anche d’estate.

Clima ventilato Lanzarote

Palme al vento – Playa Blanca, Lanzarote

Un’altra conseguenza di un clima di questo tipo è che l’aria è sempre pulitissima e salubre, perfetta per chi soffre di rinite, asma e compagnia bella come me. Infatti qui anche le allergie – alle graminacee o quelle stagionali ai pollini – praticamente non esistono, visto che l’isola è desertica e vi crescono soprattutto piante grasse. E poi praticare qualsiasi tipo di sport all’aria aperta, con questo clima ideale e l’assenza di inquinamento, diventa davvero un’attività per tutti. Non ho mai visto così tanti adulti, ma anche anziani, camminare a passo sostenuto e correre come su quest’isola in  effetti.

Altro aspetto molto interessante, soprattutto per me che sono donna, è che Lanzarote è una destinazione davvero sicura. Ho trascorso tre giorni e due notti della mia vacanza da sola (poi mi hanno raggiunto mio papà e un suo amico) e non mi sono mai sentita in pericolo: ho camminato per ore lungo sentieri in mezzo al nulla per raggiungere spiagge deserte e la notte ho passeggiato per chilometri lungo l’oceano per arrivare nel paesino di Playa Blanca e mangiare e bere qualcosa in uno dei tanti locali e ristoranti. Pensate che la proprietaria della villetta che abbiamo preso in affitto, mi aveva addirittura lasciato le chiavi inserite nella toppa della porta della terrazza.

Sentieri sicuri a Punta Papagayo - Lanzarote

Sentieri sicuri a Punta Papagayo – Lanzarote

E qui mi collego subito a un’altra motivazione: il costo della vita è basso. Sapete quanto abbiamo pagato per una villetta su due piani con 3 camere doppie (fino a sei persone), 3 bagni, cucina, ampia sala da pranzo, terrazza, giardino, posto auto e piscina con vista mare? 700 euro per una settimana. Ed eravamo in una delle zone più belle e sicuramente meno economiche di Playa Blanca, nel sud dell’isola.

Villas Las Moreras - San Marcial de Rubicon, Playa Blanca - Lanzarote

Villas Las Moreras – San Marcial de Rubicon, Playa Blanca – Lanzarote

Inoltre a Lanzarote, come in tutte le Canarie, il regime fiscale è tra i più bassi di tutta Europa: qui l’IVA è al 7%. E poi i risparmi si vedono chiaramente anche dal costo della benzina per esempio: qui al litro costa 0,95€ contro 1,45€ circa in Italia. E da non sottovalutare anche i risparmi sulle bollette: a Lanzarote il riscaldamento non è necessario, dato il clima fantastico. E sempre per questo motivo si risparmia sull’abbigliamento: vivere sempre in maglietta, felpa o giacca leggera al massimo è economico oltre che molto piacevole!
Un altro motivo per cui scegliere questa isola è il ritmo lento della vita: qui non esiste la frenesia della grandi città. Le giornate trascorrono lente e le persone che sono qui in vacanza o che vi abitano sono serene, pacate e prendono tutto con filosofia. Impossibile non avere sempre il sorriso stampato sulle labbra insomma. E poi c’è quel silenzio che vi circonda, che trasmette benessere e serenità: qui nessuno urla, né abitanti e né turisti, e si sente soprattutto il vento che scuote le fronde della palme e l’oceano con il suo battito ritmico, rilassante.

Stile di vita lento a Lanzarote

Stile di vita lento a Lanzarote

Certo che tra le ragioni per visitare o andare a vivere a Lanzarote non poteva mancare la bellezza dei paesaggi: terreni neri ricoperti di cenere vulcanica, rugosi e nudi in cui la vegetazione è praticamente assente. Distese di colata lavica con una gran varietà di forme e colori che vanno dal rosso, all’ocra, dal nero all’arancione e che ti fanno sentire come appena sbarcato sulla luna. Paesaggi che si perdono all’orizzonte e gli ampi spazi sull’oceano, che ti aprono la mente e il cuore. Pensate che per il suo elevato valore ambientale, l’isola di Lanzarote è stata dichiarata Riserva della Biosfera dall’UNESCO.

Paesaggi vulcanici di Lanzarote

Paesaggi vulcanici di Lanzarote

Tra i paesaggi più caratteristici, nati dall’unione tra la natura e la sapienza dell’uomo, ci sono quelli della zona vitivinicola della Geria: qui le viti sono poste all’interno di buche profonde, i cosiddetti picón, e protette dal vento che soffia costante grazie a muretti a secco di pietre laviche. Poi le piante sono ricoperte da uno strato di finissima lava vulcanica, che mantiene la terra umida e sempre fertile. Lanzarote è famosa per i bianchi, soprattutto da uva Malvasia, che grazie alle caratteristiche del suolo qui conferisce ai vini un’incredibile aromaticità al naso e una buona nota minerale in bocca.

Zona vitivincola della Geria - Lanzarote

Zona vitivincola della Geria – Lanzarote

Ma qui sono coltivati anche altri vitigni, come per esempio il moscato, da cui si producono ottimi vini dolci e mai stucchevoli grazie alla loro buona freschezza e mineralità. E se amate la buona tavola come me, oltre a questi grandi vini dal buon rapporto qualità prezzo, a Lanzarote potrete trovare ottimi formaggi di capra (i miei preferiti sono quelli a latte crudo e affumicati) e anche una gran varietà di pesce freschissimo, da consumare a casa o anche nei ristoranti, dati i prezzi contenuti.

Un altro motivo per cui è un vero piacere visitare Lanzarote? Il criterio urbanistico con cui è stata progettata l’isola.

Playa Dorada - Playa Blanca, Lanzarote

Paesino bianco di Playa Blanca all’orizzonte – Lanzarote

Ovunque vedrete paesini bianchi con case basse di al massimo due piani. Anche gli hotel non superano mai i due piani o comunque sono costruiti in modo che si integrino alla perfezione con il paesaggio circostante creando un tutt’uno armonico. Questa cura particolare, in un territorio vocato al turismo come l’isola di Lanzarote, sembrerebbe scontato, ma non lo è. Basta vedere le altre isole con i loro super resort o residence a più piani e dallo stile architettonico eterogeneo, che deturpano i paesaggi. Invece la prima cosa che noti a Lanzarote è proprio lo stile sobrio ed elegante delle tradizionali costruzioni bianche, con persiane verdi o blu, che non superano mai una certa altezza, risultato di un piano regolatore fortemente voluto da Cèsar Manrique, grande artista dell’isola, che desiderava conservare e proteggere il patrimonio naturale della sua terra.

Monumento al Campesino - Lanzarote

Monumento al Campesino – Lanzarote

Ed è proprio l’arte di Cèsar Manrique – volta a valorizzare e preservare il territorio – a rappresentare un altro importante motivo per visitare Lanzarote. Qui l’artista ha lasciato la sua impronta, grazie alle numerose opere architettoniche e spazi disegnati e recuperati. Tra i più famosi ricordiamo Jameos de Agua, Mirador del Rio, Giardino dei Cactus e Castillo de San José.

Jardin de Cactus Lanzarote

Giardino dei Cactus di Cesar Manrique – Lanzarote

Ci sono poi le varie sculture a vento che costellano tutta l’isola e che sono simbolo della passione dell’artista per la sua terra e per la sua natura selvaggia. Tra le varie sculture le più famose sono quelle del Mirador del Rio e il “diavoletto” all’entrata del Parco di Timanfaya.

Parco Timanfaya - Lanzarote

Parco Timanfaya – Lanzarote

Un ultimo motivo, ma non per questo meno importante, per visitare l’isola se non addirittura viverci, è la bellissima luce che avvolge tutti i paesaggi, conferendo un’atmosfera quasi surreale, perfetta per gli amanti della fotografia, proprio come me.

Insomma, se almeno uno dei motivi che vi ho presentato, coincide con una delle vostre priorità per vivere bene, allora vi consiglio di fare un salto qui, anche solo per una vacanza, anche solo per capire se Lanzarote possa diventare da semplice meta di viaggio, la vostra scelta di vita.

La fortuna di vivere a Lanzarote

La fortuna di vivere a Lanzarote

4 Comments

  • sandromacciotta ha detto:

    Mi hai fatto venire voglia di tornarci. Ma senza rompiballe…

  • non-photographer ha detto:

    Ciao Vale,
    che dire? Sono stato a Lanzarote lo scorso marzo. Ho passato 8 giorni in questa splendida isola. Il numero giusto di giorni per poter giungere alla conclusione alla quale sei arrivata anche tu. E’ un’isola diversa dal resto dell’arcipelago canario.

    Un’isola nella quale potersi perdere in lunghe passeggiate sulla spiaggia o immersi nei magnifici panorami che, come ben dicevi, la luce dell’isola regala agli appassionati di fotografia o a coloro che hanno ancora il dono di saper guardare.

    Lanzarote la isla diferente, potrebbe essere senza dubbio uno dei posti in cui potrei andare a vivere. Dopo Londra, ho decisamente necessità di un posto in cui il tempo scorre come a casa mia, in Sicilia, dove il motto sembra essere diventato (ironicamente) “non fare oggi ciò che potrai fare domani”. Come a dire che c’è sempre tempo. Soffermiamoci a goderne.

    Saluti
    Ivan

    • EnogastronoVie ha detto:

      Ciao Ivan e grazie per il tuo commento. Ho letto i tuoi post fotografici su Lanzarote e sono molto belli. Complimenti! Chissà magari un giorno ci trasferiremo tutti là (amici in comune compresi).

Leave a Reply