Cibo e ricette

La Calabria a tavola con una ricetta antica: la stroncatura

By 23 novembre 2013 One Comment

La stroncatura è un piatto tipico calabrese preparata con un ingrediente che veniva venduto in passato solo in provincia di Reggio Calabria, per la precisione nella Piana di Gioia Tauro.

Stiamo parlando della “stroncatura”, tipo di pasta prodotto anticamente in casa utilizzando le “scopature” di magazzino, cioè raccogliendo da terra ciò che restava della farina e della crusca durante le operazioni di molitura del grano.

E’ una pasta scura fatta da farine di grano di frumento integrale, simile a delle fettuccine molto ruvide e grosse. La riconosci dal suo sapore lievemente acidulo. Oggi non è più venduta solo nella piana di Gioia Tauro ma in tutta la Calabria: è diventata infatti un piatto tipico regionale.
Si prepara con ingredienti poveri della tradizione contadina: olio, aglio, peperoncino, alici, olive e “mollica di pane” tostata.

A casa nostra non manca mai la “stroncatura”, visto che Domenico, il mio compagno, è di Palmi.
Quindi l’unico scoglio che dovreste superare per poter replicare la ricetta della stroncatura calabrese è quello di trovare questo tipo di pasta…

stroncatura

Ingredienti per 4 persone

350 gr di stroncatura calabrese
1 spicchio d’aglio
4 alici sott’olio
1 peperoncino calabrese
3 cucchiai di pan grattato, la “muddica di pane” (quanto mi piacciono i dialetti!)
una decina di olive verdi denocciolate (le mie preferite sono quelle sott’olio con peperoncino e semi di finocchio)
olio evo abbondante
prezzemolo
sale e pepe

Preparazione

Soffriggete l’aglio in padella con abbondante olio evo. Poi togliete la padella dal fuoco e aggiungete le alici sciogliendole delicatamente nell’olio servendovi di un cucchiaio di legno. Rimettete poi la padella sul fuoco e aggiungete il peperoncino tagliato grosso, il prezzemolo tritato e le olive a pezzetti. Cuocete poi la pasta per una decina di minuti  e nel frattempo mettete a tostare in un’altra padella con un poco di olio evo il pan grattato. Scolate la pasta e saltatela in padella con il fondo di olio, aglio, peperoncino, alici e olive e infine insaporite con la mollica di pane tostata. Impiattate e guarnite con una fogliolina di prezzemolo e un pezzetto di peperoncino (che per il vostro bene vi consiglio di schivare!).

E buon appetito!

Una variante originale della ricetta della stroncatura, proposta dal mio compagno e che ha riscosso grande successo tra gli amici,  prevede l’aggiunta di pomodori secchi sott’olio e capperi. Divina!

One Comment

Leave a Reply