News

“Uno sguardo verso l’estremo sud”: la Patagonia in mostra a Milano

By 4 ottobre 2018 No Comments

Da oggi fino a domenica 7 ottobre alla Galleria d’Arte “Il Vicolo” (in via Maroncelli 2 a Milano) sarà possibile visitare gratuitamente la mostra fotografica internazionale “Uno sguardo verso l’estremo sud” che espone gli scatti di sette fotografi professionisti che raccontano la Patagonia (cilena e argentina) più incontaminata e meno conosciuta, lungo la rotta seguita dalle navi da crociera e spedizione Australis passando per lo Stretto di Magellano, il Canale di Beagle fino a raggiungere il mitico Capo Horn.

Ieri siamo stati all’anteprima per la stampa e vi confesso che anche per noi, che abbiamo avuto la fortuna di vedere con i nostri occhi alcuni dei luoghi remoti protagonisti di questa mostra, è stata un’esperienza davvero emozionante, forse proprio perché ci ha riportato laggiù, nell’estremo sud del mondo, dove la natura, in tutta la sua maestosità, regna incontrastata. Ed è proprio questo l’obiettivo della mostra, come spiega Mattia Mattivi, Manager di Australis Europe, e cioè dare visibilità a un itinerario alla scoperta della Patagonia ancora vergine e fuori dalle rotte del turismo di massa, esperienza possibile solo viaggiando con le navi da spedizione Australis, dato che si tratta di un’area – per fortuna – protetta.

“Uno sguardo verso l’estremo sud” è composta da venti fotografie in grande formato e i fotografi coinvolti provengono da tutto il mondo, Italia compresa. E proprio il nostro talentuoso connazionale, Paolo Petrignani – fotografo documentarista che collabora anche con il National Geographic Italia – è intervenuto ieri sera durante la presentazione per raccontarci la sua esperienza a bordo delle navi da crociera eco-responsabili Australis e per mostrarci i suoi meravigliosi scatti. 

Gli altri fotografi che fanno parte della mostra collettiva sono gli spagnoli Andrés Magai e Saúl Santos e il cileno Cristóbal Prado, collaboratori di media specializzati in Viaggi e Natura, come El País, La Vanguardia o Conde Nast. E ancora la tedesca Jessica Backhaus, l’inglese Nori Jemil e il francese Stanislas Fautré.

Ciò che più colpisce delle fotografie di Paolo Petrignani e dei suoi colleghi è senza dubbio la luce e il modo in cui è stata catturata diventando una grande coprotagonista insieme alla natura selvaggia della Patagonia, fatta di ghiacciai, promontori, paesaggi desertici o ricoperti da boschi fitti, distese infinite di mare blu cobalto…

Riprendendo le parole di Barbara Mur, curatrice della mostra, “Uno sguardo verso l’estremo sud” è “una scommessa visiva che permette al pubblico di fare un viaggio in Patagonia attraverso le foto esposte, percependo la natura allo stato puro”.

Insomma, la mostra è un’ottima occasione per scoprire, attraverso la fotografia, una terra affascinante come la Patagonia, in attesa di visitarla e goderne in prima persona della sua bellezza. Andateci, ve la consiglio!

E se siete appassionati di fotografia come me e Domenico, vi segnalo due navigazioni speciali di 4 notti con partenze il 17 e il 21 febbraio: “L’arte della fotografia a bordo di Australis” con Nori Jamil, fotografa freelance di National Geographic UK, vincitrice del premio per la fotografia della rivista Wanderlust e il British Guild of Travel Writers. Durante i seminari a bordo della nave da crociera Ventus Australis, Nori Jamil spiegherà come realizzare le migliori fotografie in contesti estremi, compensando per esempio l’esposizione e sarà a disposizione durante le escursioni per rispondere a domande e dare consigli utili. Infine si potranno rivedere e valutare con lei tutte le tue fotografie alla fine del viaggio.

Per maggiori informazioni consultate il sito www.australis.com/site/it oppure inviate una email a europa@australis.com.

 

Leave a Reply